NELLA STORIA DEL NOSTRO AMORE

Yehuda Amichai




Nella storia del nostro amore, uno Ŕ sempre stato
Una trib¨ nomade, l'altro una nazione sul proprio territorio.
Quando ci siamo scambiati di ruolo, era giÓ tutto finito.
Il tempo passerÓ davanti a noi, come i paesaggi
Passano dietro gli attori fermi nelle loro posizioni
Quando si gira un film.
Le parole
Passeranno sulle nostre labbra, perfino le lacrime
Passeranno dai nostri occhi.
Il tempo passerÓ
Ognuno al posto suo.
E nella geografia del resto delle nostre vite,
Chi sarÓ un isola e chi una penisola
Ci sarÓ chiaro per il resto delle nostre vite
In notte d'amore con altri.


(traduzione di Julio Monteiro Martins, dall'omonimo testo in Portoghese dello scrittore
Millor Fernandes)




Yehuda Amichai, uno dei pi¨ grandi poeti del nostro tempo, Ŕ morto l'ottobre scorso all'etÓ di
76 anni.
Nato in Germania, ha combattuto nell'esercito Inglese e nella brigata Palmach, nel Negev, negli anni 1948/49, durante la guerra per la costituzione dello stato di Israele.
Ha sempre scritto in ebraico e le sue poesie, che hanno come titolo il primo verso, parlano di erotismo, di perdita, di incontro, di disguidi, di guerre e di morti all'interno della precarietÓ inalterabile della vita nel suo paese.



       Copertina