Quei fetenti degli uomini

Wendy Cope



Sono come quei fetenti degli autobus -
li aspetti per circa un anno
e quando alla fine compare un bus
eccone altri due o tre che sbucano.

Mettono la freccia, guardi il lampeggio,
cerchi di leggere la destinazione.
Loro ti offrono un passaggio,
ma tu non hai molto tempo per la decisione.

Se commetti un errore, non puoi far dietrofront.
Salta giù, e starai là a fissare
le macchine e i taxi e i camion,
e i minuti, le ore, i giorni passare.

 


In lingua originale:

Bloody men


Bloody men are like bloody buses -
You wait for about a year
And as soon as one approaches your stop
Two or three others appear.

You look at them flushing their indicators,
Offering you a ride.
You're trying to read the destinations,
You haven't much time to decide.

If you make a mistake, there is no turning back.
Jump off, and you'll stand there and gaze
While the cars and the taxis and lorries go by
And the minutes, the hours, the days.




(Tratto da Men/Uomini - ritratti maschili nella poesia femminile contemporanea, a cura di Giorgia Sensi e Andrea Sirotti, Casa Editrice Le Lettere, Firenze, 2004.)



Wendy Cope (1945) nata nel Kent. Le sue raccolte di poesia Making Cocoa for Kinsley Amis (Faber 1986) e Serious Concerns (Faber, 1991) sono state entrambe dei bestseller, grazie anche alla sua vena ironica e parodistica.



         Successivo          Copertina